Grid news

  • bernaricarlo.jpg

    “Era l’anno del sole quieto”: perché leggerlo adesso

    su Ho un libro in testa di qualche tempo fa, Giuseppe Lupo racconta il romanzo di Carlo Bernari pubblicato nella collana “Novecento.0” che dirige per Hacca edizioni. Qui di seguito ve ne riportiamo un piccolo estratto. Per i più curiosi, il testo integrale a questo link.

    M’incuriosiva il titolo: cosa succede nell’anno del sole quieto? All’inizio pensavo a una storia astronomica. Il che è anche vero, per una certa parte, anche se poi ti accorgi che è la storia di un intellettuale con la fissa di industrializzare una zona della Campania grazie a un’azienda chimica che egli stesso, sceso da Reggio Emilia, voleva impiantare nella cittadina di Afragopoli. Afragopoli? Controllo sulla cartina geografica: non esiste. Continuo a cercare, poi capisco che c’è un imbroglio: è uno di quei tanti toponimi che la fantasia meridionale inventa per dire le cose come stanno senza scomodare nessuno. Afragopoli è il luogo delle idee che non si realizzano, del municipio perennemente affollato da gente che chiede, chiede, chiede, ma non ottiene nulla. Soprattutto è il luogo dove il chimico reggiano incontrerà chi apparentemente si propone di aiutarlo, in realtà gli mette il bastone tra le ruote: Ci vogliono i timbri! Ci vogliono le firme sui certificati! Ci vogliono le autorizzazioni! Sembra don Abbondio che prende in giro Renzo. Solo che stavolta non c’è un Renzo di fronte a don Abbondio: c’è un intellettuale che si fida di Puntillo (questo è il nome del finto aiutante), lo ringrazia per i favori di cui egli si sente beneficiato (perfino una donna nel suo letto d’albergo!) e alla fine? Che può fare uno che non capisce l’indolenza meridionale? Che comprende a fatica il linguaggio della burocrazia?

    Leggi tutto
    Silvia Sorana“Era l’anno del sole quieto”: perché leggerlo adesso
  • 12322436_908835682531945_5712786042285287925_o.jpg

    A tu per tu con l’autore: il 5 febbraio Maura Chiulli presenta “Dieci Giorni”

    Venerdì 5 febbraio 2016,  Maura Chiulli presenta il suo libro “Dieci giorni” in compagnia di Alessio Romano. Ore 18, Centro Ipercoop d’Abruzzo, via Po’ San Giovanni Teatino (CH).

    Sono i corpi i protagonisti di questo romanzo che si apre e si chiude nel tempo di dieci giorni. Sono i corpi a raccontare i carnefici e le vittime, e a mostrarci – per quanto annullati e camuffati – che le colpe, certe colpe, non si possono cancellare. Eppure esiste ancora uno spazio dove conservare – al riparo dal contagio – i ricordi più belli e la speranza. Accedervi richiede un sacrificio, il più atroce di tutti.

     

    Fotografia di Carlo Frankaramelli Vanni

     

    Leggi tutto
    Silvia SoranaA tu per tu con l’autore: il 5 febbraio Maura Chiulli presenta “Dieci Giorni”
  • chiccapoeta-e1452790059857.jpg

    Vigevano: 23 gennaio inaugurazione La Stanza di Linda – Ospite Chicca Gagliardo

    Inaugurazione della rassegna “LA STANZA DI LINDA – Aperitivo con l’Autore 2016” 23 gennaio 2016 presso La Stanza di Linda a Vigevano.
    I libri si racconteranno attraverso le voci di autori, editori e librai indipendenti. Un luogo per coloro che condividono la passione per la lettura dove adulti e giovani saranno coinvolti in un confronto generazionale.
    Chicca Gagliardo scrittrice e giornalista ama i libri che si trasformano. Dal suo ultimo libro Il poeta dell’aria. Romanzo in 33 lezioni di volo (Hacca edizioni) è nato il progetto intitolato “Il volo è una scrittura del corpo nel cielo. Gli artisti dialogano con Il poeta dell’aria”. Dalla sua raccolta di racconti Nell’aldilà dei pesci (Ponte alle Grazie, 2006; Libreria degli Scrittori, settembre 2014) sono nati la mostra al Mart di Rovereto, con quadri, fotografie e video ispirati ai suoi personaggi, e il corto Nell’aldilà di Flavia Mastrella e Antonio Rezza. La protagonista del romanzo Lo sguardo dell’ombra (Ponte alle Grazie, 2008) diventa l’ombra di un poeta nel monologo scritto per Mappe sulla pelle (editpress, 2012). Con Massimiliano Tappari ha pubblicato Gli occhi degli alberi (Ponte alle Grazie, 2010) storia in voci enciclopediche, che ha dato origine a diverse passeggiate letterarie. Avendo sempre un libro per la testa, ha ideato e cura “Ho un libro in testa” uno dei più importanti blog letterari italiani, che unisce sguardi diversi sul mondo dei libri, a cui collaborano scrittori, editor, librai, agenti letterari, poeti, illustratori, bibliotecari.

    Leggi tutto
    Silvia SoranaVigevano: 23 gennaio inaugurazione La Stanza di Linda – Ospite Chicca Gagliardo
  • il-poeta-dellaria.jpg

    Writers gli scrittori (si) raccontano 29-30-31 gennaio 2016

    Chicca Gagliardo è a Writers in mostra con il progetto Il volo è una scrittura del corpo nel cielo. Nove artisti dialogano con il libro“il poeta dell’aria”  (Hacca edizioni) a cura di Anna Cecilia Russo e Pietro Gaglianò.

    WRITERS è ospitato nel complesso dei Frigoriferi Milanesi, luogo che coniuga tradizione e avanguardia, arte e cultura. Più di 1200 m quadri di allestimento tra il Cubo la Galleria e il Carroponte.

    Leggi tutto
    Silvia SoranaWriters gli scrittori (si) raccontano 29-30-31 gennaio 2016
  • wpid-wp-1410171933842.jpeg

    Come trovare una storia meravigliosa: domenica 24 gennaio, seminario tra letteratura, arte e realtà quotidiana. Di e con Chicca Gagliardo, in collaborazione con Papero Editore

    Domenica 24 gennaio, ore 17, Galleria Biffi // Palazzo Marazzani Visconti P.zza S. Antonino ang. Via Chiapponi – 29121 Piacenza 

    La meta del percorso è scoprire la potenzialità narrativa che si nasconde in ciò che ci circonda.

    Chicca Gagliardo, scrittrice che mette a fuoco il senso della meraviglia, ci aiuterà ad attivare la nostra capacità di attenzione, e con gli occhi di Baudelaire, Magritte, Cristina Campo, María Zambrano, Francesca Woodman, John Berger e altri compagni di viaggio, esploreremo il punto in cui la letteratura, l’arte e la nostra realtà quotidiana si uniscono formando un’unica trama. Dove anche il più piccolo dettaglio osservato su un marciapiede, può diventare l’inizio di un nuovo racconto.

    “Il Poeta dell’aria” (Hacca) raccoglie le storie meravigliose dei Volatori che Chicca Gagliardo ha incontrato lungo la sua strada.

    «Quando grida il vento gridiamo anche noi dello Stormo, tutti assieme a squarciagola: ognuno di noi urla nel vento la propria storia, urlando racconta come ha lasciato l’asfalto, la forza di gravità, come si è trasformato in niente, in aria, com’è diventato un visionario, un Volatore.»
    «Sarà una storia fatta di poco, pochissimo, nulla: di aria.
    C’è chi osservando un filo d’erba ha disegnato le piante e poi le stagioni. Che cosa si potrà fare con un filo d’aria?»

    Leggi tutto

    Silvia SoranaCome trovare una storia meravigliosa: domenica 24 gennaio, seminario tra letteratura, arte e realtà quotidiana. Di e con Chicca Gagliardo, in collaborazione con Papero Editore
  • mascheroni_coverOKMC_72dpi.jpg

    Con le parole di “Non avere paura dei libri” vi auguriamo un felice 2016 / ‪

    «Eravamo le parole scritte e bruciate nella notte di capodanno.
    Così ci piaceva pensare, all’inizio di una nuova era. L’anno non poteva incominciare se non dai buoni propositi e dalle promesse che scrivevamo su un foglio di carta che, dopo la mezzanotte di San Silvestro, bruciavamo fino al midollo. Lo facevamo in terrazza, così da poter soffiare sulla cenere e spargerla nell’aria, affinché le nostre parole, trasportate dal vento, sorvolassero i tetti e le nuvole, fino a spegnersi nei mari della luna o, semplicemente, a diventare semi pronti a germogliare di giorno in giorno.»

    Leggi tutto
    Silvia SoranaCon le parole di “Non avere paura dei libri” vi auguriamo un felice 2016 / ‪
frameshiftGrid Blog