Cesare de Seta

Era di maggio

ISBN: 978-88-89920-47-3

In questo suo primo romanzo Cesare de Seta affronta un tema che finora era stato toccato più volte dalla saggistica, ma molto di rado – a quel che ricordo – dalla narrativa. Il tema riguarda quel movimento giovanile che dal ’68 dilagò in varie e spesso pittoresche manifestazioni in tutto il mondo, e che soprattutto in Italia e in Francia doveva assumere aspetti molto particolari.
Raffaele La Capria

PAGINE: 248
ANNO: 2010

 14,50

Share this post

In questo suo primo romanzo Cesare de Seta affronta un tema che finora era stato toccato più volte dalla saggistica, ma molto di rado – a quel che ricordo – dalla narrativa. Il tema riguarda quel movimento giovanile che dal ’68 dilagò in varie e spesso pittoresche manifestazioni in tutto il mondo, e che soprattutto in Italia e in Francia doveva assumere aspetti molto particolari.
Sembra all’inizio che il romanzo di de Seta si tratti di una storia d’amore tra il protagonista e Sara, una ragazza talmente coinvolta nelle vicende del movimento studentesco da subordinare tutto, anche i privati sentimenti, alla sua passione ideologica. Ma quello scrutare di Fabrizio negli occhi misteriosi di Sara, quegli occhi tristi di cui non riesce ad afferrare nemmeno il colore, che gli trasmettono un senso “di vuoto e di attesa”, ci comunicano sin dalle prime righe il punto di vista dell’autore nei confronti della realtà che ci vuole descrivere. E l’impenetrabilità di Sara e delle idee che lei fanaticamente manifesta ogni volta che Fabrizio cerca di parlare con lei alla luce del senso comune.
Un romanzo coraggioso, questo di de Seta, un romanzo di formazione sotto certi aspetti, che non teme di confrontarsi con una realtà ancora scottante, una realtà ancora irrisolta, che ha lasciato ferite e nostalgie nel suo e nel nostro animo.
Raffaele La Capria

Informazioni aggiuntive

autore

isbn

978-88-89920-47-3

pagine

248

anno

2010

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Era di maggio”